COFFEE20 — 20% di sconto su tutti i prodotti
Spedizione gratuita, in Italia, con tutti gli ordini superiori a 30€*

Mille modi di preparare il cappuccino 

C’è chi il cappuccino lo vuole chiarissimo, chi lo pretende bollente, chi lo desidera decaffeinato all’arancia, chi lo apprezza solo se scuro con poca schiuma… Insomma, sono tantissimi i modi per preparare un buon cappuccino. Scopriamoli insieme. 

Chiaro 

Il cappuccino chiaro va servito con una quantità ridotta di espresso, ma dato che ogni consumatore ha una propria idea di “chiaro”, prima di versare il latte montato è conveniente chiedere al cliente la quantità di caffè per lui ideale (ad esempio da poche gocce per il “chiarissimo” a tre cucchiaini). 

Scuro 

Il cappuccino scuro deve avere una quantità maggiore di espresso. Non si prepara però ad esempio con un espresso lungo, ma semplicemente versando meno latte montato, in giusta proporzione tra parte liquida e schiuma, e quindi senza colmare la tazza (circa 1 cm in meno).  

Doppio 

In quello doppio vanno estratti due espressi in un’unica tazza da cappuccino, che poi viene regolarmente colmata con latte vellutato. 

Senza schiuma (wet cappuccino) 

Dato che non risulta semplice per tutti versare in tazza esclusivamente il latte caldo con pochissima schiuma, vengono in aiuto due accortezze: versare il latte caldo prima di amalgamarlo per approfittare della parziale separazione di fase e adoperare un cucchiaio per bloccare la crema nel bricco. 

Con tanta schiuma (dry cappuccino) 

Per la ricetta con molta crema di latte è opportuno prestare attenzione a non apportare parte liquida in tazza (25-30 ml di espresso e 125-150 ml di sola crema di latte).  

Tiepido  

Il cliente che richiede un cappuccino tiepido è probabile che lo voglia così per assaporarlo in fretta prima di andare al lavoro. Comunque sia, per “tiepido” si può intendere riscaldato a circa 40 °C (temperatura normale della tazzina). Un utile accorgimento è servirlo in tazze non preriscaldate. 

Caldissimo 

Per accontentare i clienti che ordinano un cappuccino quasi bollente, diventa molto pratico utilizzare il termometro a sonda per lattiere, in modo tale da spingere il latte fino alla temperatura di 70 °C per riscaldarlo al massimo, ma nello stesso tempo senza deteriorare il gusto della bevanda.  

Al contrario della versione tiepida, prima del servizio le tazze vanno preriscaldate e in aggiunta bagnate con l’acqua della caldaia e asciugate. In questa maniera, al momento di degustare il cappuccino, l’impatto tattile dei polpastrelli sul manico della tazza e delle labbra a contatto del suo bordo rafforzeranno la sensazione termica richiesta dal cliente. 

Panna 

Aggiungere al cappuccino come ingrediente supplementare la panna lo rende ancor più ghiotto. Se la panna viene guarnita con abbondante cacao o scaglie di cioccolato, la ricetta si trasforma nel cappuccino viennese. 

Speziato 

Oltre al cacao o alla cannella, altre due spezie creano un abbinamento singolare ma interessante se cosparse sul cappuccino. Sono la polvere di anice stellato e la noce moscata, specialmente indicate in abbinamento alla panna o nelle versioni del cappuccino freddo. 

Freddo o ghiacciato  

È un cappuccino tipicamente estivo, preparato con espresso raffreddato al momento e latte freddo scremato montato a crema con il mixer. Viene anche proposto con abbondante ghiaccio e servito in bicchiere. 

Dicono di noi