COFFEE20 — 20% di sconto su tutti i prodotti
Spedizione gratuita, in Italia, con tutti gli ordini superiori a 30€*

Caffè e Alzheimer: esiste una correlazione!

Arriva dall’Australia e più precisamente dalla Edith Cowan University di Joondalup una nuova ricerca. Dimostrerebbe gli innumerevoli effetti benefici della caffeina (e del caffè) sul declino cognitivo associato all’Alzheimer.

L’Alzheimer è una forma di demenza che esordisce con una lieve perdita di memoria, fino alla completa degenerazione, portando l’individuo alla totale perdita dell’autonomia personale.

La ricerca portata avanti dalla dottoressa Samantha Gardener ha dimostrato che un consumo costante di caffè influisce in modo significativo sul deterioramento cognitivo.

Lo studio clinico, durato oltre 10 anni, ha evidenziato che non è solo la caffeina ad incidere sulla malattia, anche altre sostanze contenute in una tazza di caffè hanno dei forti effetti positivi: tra questi vi è il Cafestol (un diterpene presente nel caffè), il Kahweol (altra molecola diterpenoide comunemente presente nei chicchi di coffea Arabica) e sul Eicosanoil-5-idrossitriptamide (un composto chimico presente nel rivestimento ceroso dei chicchi di caffè).

All’interno di un caffè inoltre è possibile trovare numerosi polifenoli, tra questi sicuramente c’è l’acido ferulico, in grado di proteggere le funzioni cognitive legate principalmente alla memoria spaziale.

La ricerca australiana non è stata ancora conclusa. I ricercatori stanno portando avanti studi approfonditi che vanno a valutare anche le diverse tipologie di estrazione del caffè, per calibrare così le singole quantità di caffeina da assumere.

Dicono di noi